HOME - Protesi
 
 
18 Gennaio 2016

Stomatite da protesi: una formulazione innovativa della resina può ridurne l'insorgenza

di Lara Figini


La stomatite da protesi è tutt'altro che infrequente e genera dolori della mucosa orale, disagi, alterazioni del gusto, che, assommati determinano una disfunzione masticatoria che, a lungo andare, può portare anche un ridotto apporto nutrizionale. Una delle principali cause di stomatite da protesi è la crescita eccessiva di un fungo, la Candida albicans, noto anche come Candida associata a stomatite da protesi (CADS).

Purtroppo la strategia terapeutica contro la CADS non è stata ancora definitivamente stabilita. Esistono in commercio agenti antifungini per via orale, come l'amfotericina B, la nistatina, e il miconazolo e altri farmaci sistemici antifungini , però i loro effetti riferiti appaiono limitati.

In un recente studio pubblicato sul Journal of Dentistry di gennaio 2016 si evidenzia che l'aggiunta alla tradizionale resina metacrilica, utilizzata per la costruzione di protesi totali, di un composto a base di particelle di vetroionomero pre-indurito definito S-PRG avrebbe il potenziale di ridurre l'adesione della Candida albicans alla resina della protesi riducendo, per conseguenza, il rischio di stomatite.

Il riempitivo vetroionomerico (S-PRG) è costituito da particelle formate da una reazione acido-base del vetro fluoroaluminosilicato con l' acido poliacrilico, ed è in grado di rilasciare sei tipi di ioni (Na+, Sr2+, SiO3 2 , Al 3-, BO3 3-, e F-).

Nello studio in questione gli autori hanno preparato dei dischi di polimetilmetacrilato
metacrilato (PMMA) , materiale base per la costruzione di protesi mobili totali e parziali, incorporando l'S-PRG come riempitivo nella polvere del polimero in percentuali variabili dal 5 al 20%. Sono stati misurati la rugosità di superficie dei dischi e il rilascio degli ioni potenzialmente attivi e la quantità di biofilm con particolare riguardo alla presenza di Candida Albicans .

Dai risultati ottenuti in questo studio gli autori hanno potuto constatare un lieve, ma significativo, aumento della rugosità superficiale con l' aumentare della percentuale di riempitivo inglobata. Nonostante ciò l'attività metabolica e il volume totale della biomassa sono risultati significativamente più bassi in tutti i gruppi di riempimento rispetto al gruppo di controllo. Non si sono riscontrate differenze significative tra vari gruppi di riempimento.

La ricerca ci suggerisce che l'adesione di C. albicans èridotta qualora venga incorporato nella resina delle protesi totali il riempitivo a base vetroionomenrica S-PRG . Ulteriori studi clinici su portatori di protesi per verificare la reale insorgenza clinica di stomatite da protesi in pazienti portatori di manufatti provvisti di questa innovativa resina metacrilica.

A cura di: Lara Figini, Coordinatore Scientifico Odontoiatria33

Bibliografia:

Reduction of Candida biofilm adhesion by incorporation of prereacted glass ionomer filler in denture base resin. Tsutsumi C, Takakuda K, Wakabayashi N. J Dent. 2016 Jan;44:37-43.

Articoli correlati

Finora le riabilitazioni protesiche dei settori posteriori (FPD) in metallo-ceramica (MC) sono state considerate il gold standard in protesi fissa, ma l’esigenza estetica ha...

di Lara Figini


Negli ultimi anni l’aspettativa estetica da parte dei pazienti nei confronti delle riabilitazioni dentali è diventata sempre più predominante, portando gli odontoiatri a...

di Lara Figini


L’aumentata richiesta estetica, senza rinunciare alla preservazione delle strutture biologiche, ha portato allo sviluppo e all’utilizzo, negli ultimi anni, di nuove tipologie...

di Simona Chirico


L’introduzione di impianti corti, definiti tali quando al di sotto dei 10 mm, consente l’inserimento implantare anche in condizioni di scarsa altezza ossea evitando...

di Lara Figini


Al giorno d’oggi, i materiali di elezione per restaurare corone singole sono il disilicato di litio e la zirconia.Entrambi i materiali possono essere rivestiti con ceramica...

di Lorenzo Breschi


Altri Articoli

Superare la norma che impone la specialità anche ai laureati in odontoiatria la richiesta del sindacato. Grande interesse da parte del Ministro rispetto alla proposta di lavorare per risolvere...


Per Daniele Benatti serve un salto culturale che possa “rimettere speranza in un segmento, quello odontotecnico che rischia davvero l’estinzione”


Per Iandolo (CAO) è una norma che penalizza i cittadini e discrimina richiando di falsare la corretta concorrenza tra pubblico e privato


Quella della figura del titolare di un proprio studio odontoiatrico non è più “maggioranza”. Ecco la fotografia dalla ricerca EDRA sull’esercizio della professione


Il servizio di supporto chirurgico e protesico: l’esperienza del dott. Stefano Semeraro con IDI EVOLUTION raccontata in una video intervista


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 

Libri

 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
гепатит с лечение

pharmacy24.com.ua

камагра киев