HOME - Implantologia
 
 
24 Maggio 2017

Riabilitazione di premolare superiore con pilastri XA

di Xavier Rodriguez Ciurana e Xevier Vela Nebot


Il caso presenta la riabilitazione di un premolare superiore interessato dal fallimento di un trattamento endodontico in una paziente donna di 37 anni, non fumatrice e con una buona igiene.

A seguito dell'analisi radiografica viene pianificata l'estrazione atraumatica del premolare con l'inserimento contestuale di un impianto Shelta. La riabilitazione immediata viene eseguita con un pilastro XA per protesi avvitata, su cui viene fissato un provvisorio realizzato in laboratorio secondo i principi dei profili di emergenza della tecnica B.O.P.T.

Il caso

Donna, 37 anni, non fumatrice, con una buona igiene, si presenta in studio con un fallimento del trattamento endodontico dell'elemento 1.4.

  • 1. Caso iniziale: il fallimento endodontico rende necessaria l’estrazione dell’elemento 1.4, operazione complicata dato che la parete vestibolare si presenta sottile

  • 1. Caso iniziale: il fallimento endodontico rende necessaria l’estrazione dell’elemento 1.4, operazione complicata dato che la parete vestibolare si presenta sottile

  • 1. Caso iniziale: il fallimento endodontico rende necessaria l’estrazione dell’elemento 1.4, operazione complicata dato che la parete vestibolare si presenta sottile

  • 2. Estrazione atraumatica del premolare 1.4 mantenendo integre tutte le pareti dell’alveolo

  • 3. Successivamente l’alveolo viene disepitelializzato

  • 3. Successivamente l’alveolo viene disepitelializzato

  • 4. Inserimento 1 mm sottocrestale dell’impianto Shelta SL diametro 4.25 e altezza 10.00 mm, secondo il protocollo XA

  • 5. Pilastri XA per protesi avvitata

  • 6. Inserimento del pilastro XA per protesi avvitata: visione occlusale e vestibolare

  • 6. Inserimento del pilastro XA per protesi avvitata: visione occlusale e vestibolare

  • 7. Secondo la tecnica B.O.P.T., il provvisorio viene realizzato leggendo il margine sottogengivale per mezzo di uno sgusciato preformato eseguito dal laboratorio e ribasato con resina REEF. Il margine verrà prima riempito e poi fresato per ottenere un profilo idoneo a guidare i tessuti molli

  • 7. Secondo la tecnica B.O.P.T., il provvisorio viene realizzato leggendo il margine sottogengivale per mezzo di uno sgusciato preformato eseguito dal laboratorio e ribasato con resina REEF. Il margine verrà prima riempito e poi fresato per ottenere un profilo idoneo a guidare i tessuti molli

  • 10. Follow-up a due mesi: nella visione occlusale si apprezzano i tessuti molli, molto vascolarizzati

  • 10. Follow-up a due mesi: nella visione occlusale si apprezzano i tessuti molli, molto vascolarizzati

  • 11. Scelta del colore più adeguato della protesi

  • 13. Finalizzazione della corona avvitata definitiva su modello con gengiva rimovibile

  • 13. Finalizzazione della corona avvitata definitiva su modello con gengiva rimovibile

  • 14. Visione mesiale e distale della corona definitiva: i profili di emergenza che la caratterizzano seguono i principi della tecnica B.O.P.T.

  • 14. Visione mesiale e distale della corona definitiva: i profili di emergenza che la caratterizzano seguono i principi della tecnica B.O.P.T.

  • 15. Protesi definitiva avvitata in bocca al paziente: visione occlusale e vestibolare

  • 15. Protesi definitiva avvitata in bocca al paziente: visione occlusale e vestibolare

  • 16. Follow-up a 6 mesi: è evidente una notevole migrazione coronale del margine gengivale e delle papille

  • 17. Radiografia di controllo. Dopo un anno il tessuto osseo perimplantare non mostra alcun tipo di riassorbimento

  • 18. Dettaglio della riabilitazione a 12 mesi. I tessuti si mantengono stabili, con un ottimo aspetto del margine gengivale e delle papille interprossimali

Articoli correlati

Edentulia dei mascellari sarà una delle sfide che l’odontoiatria italiana dovrà affrontare sia dal punto di vista della qualità di vita dei pazienti che per gli aspetti economici e...


Quando la tecnologia elide l'imperfezione, nel rispetto dell'idea di tempo ben speso, è allora che la sintesi tra intelligenza artificiale e umana conquista vette altissime. Altrimenti si riduce ad...


“La presenza di placca in un sito implantare determina un rischio aumentato di circa 14,3 volte di insorgenza e progressione di una perimplantite”, ad evidenziarlo è il vice presidente...


La documentazione radiografica pre e post-trattamento è ormai diventata fondamentale in implantologia sia per una corretta pianificazione che per i controlli a distanza. La radiografia...

di Lara Figini


Altri Articoli

Secondo l’Associazione oltre 400 i controlli effettuati. Ecco come regolarizzare la propria posizione


Prof. Pelliccia: ‘’il dentista deve saper prendere le decisioni giuste al momento utile, vi aiutiamo a imparare a farlo’’


Assegnata in Commissione alla Camera una PdL che impone il 51% del capitale in mano all’iscritto all’Albo


Lodi: l’analisi impietosa, in evidenza contraddizioni e difetti di un sistema riservato ai ricchi


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 

Libri

 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dapoxetine sans ordonnance

www.steroid.in.ua

виагра женская таблетки